Arrestata in Usa la moglie di “El Chapo”, il signore del narcotraffico messicano

40

NEW YORK. (Mal)affari di famiglia. Emma Coronel Aispuro, 31 anni, la moglie del signore della droga messicano Joaquin Guzman Loera detto El Chapo, è stata arrestata all’aeroporto di Dulles, in Virginia, con l’accusa di traffico internazionale di stupefacenti. Lo riferisce, in una nota, il dipartimento di Giustizia americano.

Sì, l’ex reginetta di bellezza che il narcotrafficante a capo del cartello di Sinaloa – di 33 anni più grande – sposò quando lei era ancora un’adolescente, nel 2007, dopo averle fatto ottenere con la sua “influenza” la fascia di Miss Durango. Madre delle due gemelle nate nel 2012, Emma, nata a San Francisco, ha la doppia cittadinanza messicana e americana.

Secondo l’accusa, avrebbe aiutato a far entrare negli Stati Uniti cocaina, metanfetamine, eroina e marijuana. Non solo: avrebbe organizzato la fuga di Guzman nel luglio 2015 dalla prigione di Altiplano, in Messico. Tentando di organizzarne anche un’altra, prima che le autorità messicane decidessero di estradare il boss in America, nel gennaio 2017, sperando di fare un piacere a Donald Trump e aggirare la questione del muro .

D’altronde già durante il processo del Chapo – condannato nel 2019 all’ergastolo proprio per aver portato tonnellate di droga in America – il pentito Dámaso López Nunez, ex luogotenente del boss, svelò che quella donna sempre in aula – Aispuro non perdeva mai un’udienza e vestiva abiti coordinati con le giacche del marito per meglio proclamargli la sua fedeltà assoluta – aveva avuto un ruolo determinante nella rocambolesca fuga del 2015 dal supercarcere di Altiplano, quando Guzmán letteralmente si inabissò passando attraverso un tunnel scavato sotto la doccia della sua cella: “Comunicavamo attraverso di lei. Fu Emma a darci l’ordine di procedere”. Ora, a quanto pare, proprio lei, insieme ai due figli di primo letto del marito, Ivan Archivaldo e Alfredo Guzman (37 e 34 anni, insomma più grandi di lei) avrebbe preso in mano i loschi traffici del marito, amministrandone la fortuna valutata 14 miliardi di dollari.