“Riprova più tardi:” La carenza di vaccini lascia frustrati milioni di newyorkesi ad alto rischio

46
epa08883791 Sandra Lindsay (L) a nurse at Long Island Jewish Medical Center, is inoculated with the COVID-19 vaccine by Dr. Michelle Chester (R) in the Queens borough of New York, New York, USA, 14 December 2020. The rollout of the Pfizer and BioNTech vaccine, the first to be approved by the Food and Drug Administration, ushers in the biggest vaccination effort in US history. EPA/MARK LENNIHAN / POOL

I newyorkesi con determinate condizioni di salute sottostanti che li lasciano a maggior rischio di malattia grave o morte per COVID-19 hanno ottenuto i requisiti per iscriversi agli appuntamenti per il vaccino durante il lungo fine settimana. Molti sono stati accolti con frustrazione, come avevano avvertito i funzionari statali che probabilmente sarebbe stato il caso.

L’ultimo gruppo ad essere idoneo per gli scatti a New York è composto da circa tre milioni di persone di età compresa tra i 16 ei 64 anni. Quei newyorkesi si uniscono a un pool in continua espansione che ora include circa 10 milioni di persone, meno di 2 milioni delle quali hanno ricevuto un primo colpo fino ad oggi a causa di problemi di fornitura.

I newyorkesi qualificati potrebbero iniziare a iscriversi ai siti gestiti dallo stato per gli appuntamenti domenica, un giorno prima di essere idonei a ricevere i primi colpi, mentre quelli che cercano di essere dosati nei siti gestiti dalla città hanno avuto la loro prima opportunità di programmare gli appuntamenti lunedì. Alcuni dei newyorkesi più vulnerabili – dai malati di cancro alle donne incinte a quelli con diabete e sistema immunitario indebolito, tra le altre condizioni di salute preesistenti spesso si sono trovati in un ciclo instancabile di “aggiornamento” e “aggiornamento” mentre aspettavano , frustrati, dai loro computer.