NewYork-Presbyterian lancia un’ampia rete in cerca di equipaggiamento mentre si profila la carenza di coronavirus

56

In un briefing video interno ottenuto da The Post, la Dott.ssa Laura Forese, Vicepresidente esecutivo e Chief Operating Officer di New York-Presbyterian, ha delineato un piano organizzato da un fiduciario ospedaliero senza nome per noleggiare un volo per la Cina in missione di ricerca di maschere .

È una delle tante strade esplorate dal sistema ospedaliero per evitare di esaurire l’importante equipaggiamento protettivo personale che protegge i professionisti medici dal contrarre il virus altamente contagioso COVID-19 che sta attualmente spazzando il paese.

Il personale NewYork-Presbyterian sta inoltre sperimentando diversi modi per disinfettare le maschere usate, tra cui la sterilizzazione con luce ultravioletta o potenti sostanze chimiche, secondo il briefing, che è stato inviato ai dipendenti domenica.

“Ognuno dovrà fare sacrifici per un po ‘e tutti dovranno iniziare a pensare in modo diverso”, ha detto il dottor Forese nel video. “Dovremo reinventare del tutto il nostro lavoro.”

Nei giorni scorsi l’ospedale ha istituito un obiettivo politico di allocare una maschera per dipendente per turno, indipendentemente dall’occupazione, con maggiore attenzione a coloro che ricoprono posizioni che comportano un rischio maggiore di entrare in contatto con il coronavirus.

Ma questo mette a repentaglio l’esaurimento del sistema ospedaliero di esaurirsi nelle prossime settimane. Il dott. Forese ha stimato che il sistema dell’ospedale sta attualmente utilizzando 50.000 maschere al giorno e quando raggiunge la capacità massima quel numero ha il potenziale per raddoppiare.

Dopo che è diventato chiaro che il coronavirus avrebbe battuto il sistema medico della città, l’ospedale ha istituito e promosso un account di posta elettronica pubblico, masks@nyp.org , per facilitare i contatti con i distributori di maschere. Invece di diventare un modo produttivo per centralizzare la ricerca, tuttavia, la posta in arrivo è stata inondata di spam e lead “fraudolenti”, frustrando i dirigenti ospedalieri alla ricerca di una soluzione rapida alla loro incombente carenza di attrezzature.

GUARDA ANCHE

L’ospedale New York-Presbiteriano vieta i padri dalla sala parto

Domenica scorsa, il sindaco Bill de Blasio ha incolpato il presidente Donald Trump e il governo federale per la carenza di attrezzature mediche della città, e ha dichiarato in una apparizione alla CNN che New York era a soli 10 giorni dalle carenze critiche di maschere e ventilatori che faranno un grande differenza nel modo in cui New York City cancella la pandemia.

“Se non avremo più ventilatori nei prossimi 10 giorni, le persone moriranno e non dovranno morire. È così semplice “, ha detto Hizzoner a Wolf Blitzer in” The Situation Room “della CNN.

All’ospedale, ha affermato il dottor Forese, i medici stanno attualmente lavorando su un modo per utilizzare un ventilatore su due pazienti contemporaneamente – e NewYork-Presbyterian sta lavorando con altre strutture per insegnare ai medici di tutta la città come applicare le stesse tattiche.

L’unità di terapia intensiva ha trascorso la domenica a eseguire “prove a secco” della tecnologia e ha detto che sperava di renderlo operativo entro lunedì o martedì. “Devo dare un enorme credito ai nostri team leader in terapia intensiva … hanno lavorato instancabilmente su questo”, ha detto il dottor Forese.

Né NewYork-Presbyterian né il Dr. Forese hanno risposto a una richiesta di commento.

A partire da lunedì, New York ha già visto 271 morti a causa del coronavirus e un totale di 26.486 persone che sono risultate positive, secondo i numeri pubblicati dal Governatore Andrew Cuomo .