Ecco come la pandemia di coronavirus sta influenzando il trasporto pubblico

83

ouhey

I funzionari statali e di New York hanno cercato di rallentare la nuova pandemia di coronavirus chiudendo tutte le attività non indispensabili, chiudendo le scuole e sollecitando i residenti a rimettersi a casa. Di conseguenza, i passeggeri sono crollati attraverso i sistemi di trasporto di massa di New York – metropolitana, autobus, treni pendolari e traghetti – mentre i funzionari si arrampicano per mantenere attivo il servizio.

Ma mentre i casi COVID-19 della città continuano a salire, i lavoratori in transito si ammalano e le riduzioni del servizio stanno iniziando a salire. Ora, l’MTA sta attuando quello che chiama il piano di servizi essenziali, riducendo in modo sostanziale treni e autobus attraverso le sue reti di transito.

I funzionari sanitari continuano a mettere in guardia coloro che si sentono male – e anche quelli che non lo sono – dal lasciare la propria casa a meno che lo stato non abbia ritenuto essenziale il proprio lavoro ( assistenza sanitaria, trasporti, forze dell’ordine, ecc. ) O di raccogliere generi alimentari e medicinali. Ma se devi assolutamente lasciare la tua casa , ecco cosa devi sapere sull’impatto di COVID-19 sul trasporto pubblico.

Questo post verrà aggiornato periodicamente con modifiche al servizio.


Metropolitana

Nell’ambito del piano di servizi essenziali dell’MTA, l’autorità sta tagliando il servizio della metropolitana del 25 percento a partire dal 25 marzo. La decisione di ridimensionare le linee ferroviarie arriva quando il numero di passeggeri ha toccato un minimo storico dell’87 percento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e come COVID-19 ostacola i lavoratori in prima linea dell’autorità: formare equipaggi, dispacciatori, seguire i lavoratori. Durante una conferenza stampa di martedì che annunciava la notizia, il presidente dell’MTA Pat Foye ha affermato che dubita che una frequenza ridotta costringerebbe i ciclisti a salire sui vagoni del treno poiché il sistema serve solo il 13 percento del suo tipico guidatore.

Al 24 marzo 52 dipendenti MTA si sono dimostrati positivi per COVID-19. Solo un giorno prima i funzionari dell’MTA hanno temporaneamente sospeso il servizio ferroviario C mentre il coronavirus continuava a infettare la forza lavoro in prima linea dell’autorità; la linea C da allora è stata restaurata. Il servizio su altre linee, tuttavia, viene ridimensionato.

Il sistema continuerà a funzionare secondo il suo programma tipico durante la corsa di mattina e di sera, ma i treni saranno sospesi sulle linee B, W e Z e il servizio espresso attraverso il sistema sarà ridotto. Sulle linee 7 e J, il servizio espresso è stato completamente sospeso. N treni non funzioneranno espressi a Manhattan. Lo stesso vale per le linee 4, 5 e 6 nel Bronx. I treni D effettueranno fermate locali nel Bronx ma correranno espresse a Manhattan e Brooklyn, mentre la linea F effettuerà tutte le fermate locali a Manhattan e Brooklyn e continuerà a funzionare espresse nel Queens. La Staten Island Railway effettuerà tutte le fermate locali, in funzione ogni 20 minuti nelle ore di punta e ogni ora durante la notte.

La carenza di lavoratori ha anche costretto l’MTA a tagliare il servizio su tratti di linee. Ciò include sulla linea 5 tra Nereid Avenue e East 180 Street nel Bronx (utilizzare invece il servizio 2); tra Bowling Green e Brooklyn College-Flatbush Avenue (utilizzare il servizio 4 e 2 in alternativa); sulla linea A tra Broad Channel e Rockaway Park (utilizzare la navetta S); e servizio ferroviario E tra Jamaica-179 Street e Union Turnpike (utilizzare la F).

Tutto sommato, il nuovo coronavirus ha paralizzato il passaggio della metropolitana, con la conseguente immersione nelle entrate che ha spinto i funzionari dell’MTA a chiedere un pacchetto di aiuti da 4 miliardi di dollari dal governo federale. Per il ciclista medio, la nuova realtà della metropolitana è chiara con i treni stranamente vuoti durante le ore di punta e gli operai che indossano maschere e guanti.

Gli autobus

A partire dal 26 marzo, la rete di autobus della città funzionerà al 75% della sua capacità nell’ambito del Piano di servizi essenziali. Non ci si aspetta che i cambiamenti abbiano un impatto sui piloti in modo rilevante, non che il riduttore sia in calo di oltre il 70% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, secondo l’MTA.

Altre modifiche al sistema bus includono l’imbarco sulla porta posteriore; solo le persone a mobilità ridotta potranno salire a bordo nella parte anteriore per utilizzare rampe e posti a sedere per l’accessibilità. La mossa è un tentativo di proteggere i conducenti di autobus dalla diffusione del nuovo coronavirus. Catene di plastica gialle sono usate per chiudere la parte anteriore degli autobus, mantenendo i conducenti a una distanza di sicurezza dai ciclisti durante la pandemia della città.

Ci si aspetta che le persone paghino la tariffa purché siano accessibili le caselle di pagamento a bordo o le biglietterie automatiche per i biglietti Select Bus Service. I clienti di autobus espressi possono salire a bordo come al solito ma, per precauzione, gli autisti non possono sedere nelle prime tre file.

Ferrovia suburbana

Le linee ferroviarie dei pendolari dell’Autorità di trasporto metropolitano — Metro-North e Long Island Rail Road — sono attualmente in funzione nei normali orari feriali tranne le linee di Metro-North ad ovest di Hudson, che operano nel fine settimana. A partire dal 27 marzo, Metro-North ridurrà alcuni servizi, ma continuerà a fornire treni orari sulle linee Harlem, Hudson e New Haven; il LIRR opererà il suo programma tipico per il picco di am e pm ma ridimensionerà il pacchetto del 65 percento della sua capacità tipica. I contatori di biglietti per entrambe le linee sono chiusi, invece i clienti possono utilizzare i distributori automatici di biglietti o l’app MTA eTix.

Citi Bike

Il ciclismo è l’unico modo per spostarsi che ha visto un’impennata di attività in mezzo al nuovo focolaio di coronavirus, con il sindaco Bill de Blasio che incoraggia i newyorkesi “a pedalare o camminare” all’inizio di marzo. Il Dipartimento dei trasporti della città (DOT) ha visto un aumento del traffico in bicicletta sui suoi ponti tra il 1 ° marzo e il 10 marzo. Anche Citi Bike ha registrato un aumento del 67% tra il 1 ° e l’11 marzo, rispetto all’anno precedente.

Da allora, il trasporto su Citi Bikes e sui ponti gestiti dalla città è diminuito, ma ciò è probabilmente legato ai funzionari della città e dello stato che hanno fortemente ridotto i movimenti dei newyorkesi nelle ultime due settimane. Indipendentemente da ciò, Citi Bike sta lavorando con DOT per installare dock e stazioni aggiuntive in zone trafficate di Manhattan. Il personale continua a disinfettare le superfici ad alto contatto ogni volta che arrivano nel deposito dell’azienda di proprietà di Lyft e, all’inizio di ogni turno, i lavoratori disinfettano anche le superfici sui furgoni utilizzati per il trasporto delle biciclette.

Traghetti

Tutte le rotte del traghetto di New York operano su un orario modificato fino a nuovo avviso. A partire dal 23 marzo, gli orari dei giorni feriali funzioneranno con una frequenza ridotta per tenere conto del minor numero di passeggeri, mentre gli orari del fine settimana rimarranno gli stessi.

Anche la compagnia del traghetto di Staten Island Ferry ha subito un grande successo, con un calo del 70% negli ultimi giorni. Le navi operano ogni 20 minuti circa dai terminal di St. George e Whitehall durante le ore di punta del mattino e della sera nei giorni feriali e ogni ora da mezzanotte alle 5 del mattino