Mahahual: terra e mare, senza tempo

0
171

La cittadina messicana è incastonata nel punto in cui lo Yucatan incontra il Belize. Un angolo di mondo incantato in cui la civiltà sembra essersi fermata.

Mar dei Caraibi. Terre lontane, avvolte nel mistero in cui respirare un’aria diversa e vivere un’esperienza indimenticabile, lontani dal tran tran quotidiano.

Mahahual ne è un esempio. Un angolo di mondo incantato in cui la civiltà sembra essersi fermata per lasciare il posto alle tradizioni locali, ai profumi della natura, ai silenzi, alla pace, ai sogni che ogni viaggiatore porta con sé, alla scoperta di terre lontane.

Provate a pronunciarne il nome: vi emozionerete e, curiosi, andrete alla ricerca di informazioni per raggiungere, ben presto, la cittadina messicana, nel punto in cui lo Yucatan incontra il Belize.

Un piccolo villaggio di pescatori in cui poter incontrare volti coloriti dal sole cocente, caratterizzati da tratti distesi ed espressioni di felicità. L’effetto contagio è immediato e con esso la sensazione di benessere.

Bancarelle, souvenir, cartelloni pubblicitari (che invitano all’acquisto di immobili in costruzione) interferiscono sull’immagine senza tempo, appena descritta. Ma poco dopo ci si rincuora: la vista verrà catturata dalla barriera corallina, una lunga, lunghissima distesa rossastra che rappresenta il modo migliore per godere dell’incantevole ecosistema, tra flora marina e fauna animale.

Mare profumo di mare, è proprio il caso di scriverlo. Acque cristalline e temperature miti regalano immersioni e nuotate a pieni polmoni ai tanti desiderosi di sgranchirsi le membra dopo aver oziato beatamente, immersi nella lettura o magari in un sonnellino rigeneratore. Per un relax a tutto tondo, finché vi pare. Già. Perché a poca distanza si trovano Cancun o Plaja del Carmen, località più note, soprattutto per i confort e la frenesia tipicamente cittadini.

Oggi, raggiungere Mahahual è piuttosto agevole, attraverso i collegamenti dall’aeroporto internazionale situato a Chetumal, la capitale di Quintana Roo, da cui si diparte una autostrada a più corsie.

Ignorata fino a qualche anno fa, ad esclusivo vantaggio di Cancun, oggi tutta la costa sud che si estende da Siana Ka’an fino a Xcalak, è entrata nell’immaginario dei viaggiatori avventurieri, sempre più interessati a scoprire una terra dall’antica civiltà e dagli inconfondibili sapori genuini ed autentici.

by Francesca Cuffari